Isole Vergini

Notizie Generali – Caraibi – Isole Vergini

Nelle Isole Vergini Britanniche ci sono zone così belle che sareste disposti a fare follie pur di poterci rimanere per sempre. Pensate a verdi colline, cieli blu, tramonti straordinari e spiagge dove il rumore più forte è quello di una noce di cocco che cade sulla sabbia morbidissima. Un tempo rifugio per bucanieri e briganti, oggi le isole sono una delle mete favorite dei diportisti, attirati qui dalla presenza costante di venti tropicali, da punti d'ancoraggio ben protetti e da un clima mite tutto l'anno. Lo sviluppo turistico è stato controllato da una politica ambientale intelligente che ha conferito a queste isole un carattere molto diverso da quello delle loro vicine. Mentre le Isole Vergini Americane hanno dato la caccia ai dollari dei turisti, le Isole Vergini Britanniche si sono dichiarate disposte a stare lontano dalle luci della ribalta. A chi crede ancora nel sogno americano potrà capitare di svegliarsi in un posto come questo. Le tre isole principali e le oltre 60 isolette che formano le Isole Vergini hanno coste meravigliose, tra le più belle della terra. Questo piccolo territorio a stelle e strisce oltreconfine offre un assaggio di paradiso e un po' di relax a circa 2 milioni di turisti l'anno. Le località turistiche proposte dalla Swanky, una potente compagnia di navi da crociera e yacht a noleggio, difficilmente attraggono il turista fai da te. Tuttavia, si possono tranquillamente visitare le Isole Vergini (specialmente la più abbordabile St John) senza la compagnia di gente chic che sorseggia piñacolada sul ponte di poppa.

Notizie Generali – Caraibi – Isole Vergini

St. John è una delle Isole Vergini Americane, insieme a St. Thomas e St. Croix.
Mentre St. Thomas è cosmopolita, St. John, la tranquilla, è meta apprezzata dai turisti in cerca di pace, ed è il fiore all’occhiello dell’arcipelago.
Grazie ai traghetti che giornalmente le collegano, è interessante esplorarle tutte.
Perlopiù occupata da parco nazionale, St. John è ancor oggi rimasta incontaminata, ricoperta da palme e mangrovie che discendono verso litorali sabbiosi.
Mancando l’aeroporto, ci si arriva in circa un’ora di traghetto da St. Thomas, sbarcando nella cittadina di Cruz Bay che è anche la zona più animata e vivace dell’isola.
Vanta una delle dieci spiagge più belle al mondo, la Trunk Bay, secondo la National Geographic Society. Saint Croix (da non pronunciarsi alla francese) è la più grande delle tre.
Caratterizzata da una fitta vegetazione tropicale da cui fanno capolino rovine storiche e mulini, testimonianze di un passato avventuroso e ricco di tradizioni.

Nelle Isole Vergini Britanniche ci sono zone così belle che sareste disposti a fare follie pur di poterci rimanere per sempre. Pensate a verdi colline, cieli blu, tramonti straordinari e spiagge dove il rumore più forte è quello di una noce di cocco che cade sulla sabbia morbidissima. Un tempo rifugio per bucanieri e briganti, oggi le isole sono una delle mete favorite dei diportisti, attirati qui dalla presenza costante di venti tropicali, da punti d'ancoraggio ben protetti e da un clima mite tutto l'anno. Lo sviluppo turistico è stato controllato da una politica ambientale intelligente che ha conferito a queste isole un carattere molto diverso da quello delle loro vicine.

Come arrivarci:

Dall’Italia volo internazionale via Madrid che raggiunge St. Juan de Portorico. Voli plurisettimanali da Atlanta e giornalieri da Miami. Collegamenti internazionali via Londra con British Airways e via Parigi/St. Martin con Air France. Frequenti i voli per Tortola, come per Virgin Gorda da Portorico e da St. Thomas nelle Vergini Americane. Le Vergini Britanniche sono poi collegate tra di loro e con St. Thomas e St. John, con regolari traghetti (circa 40 minuti).

 

©